CARRELLO
0 prodotto - 0,00 €
Inserisci un prodotto nel carrello
carrello accedi

GESTIONE DELLE LESIONI CUTANEE (WOUND CARE & CURE)

Copertina GESTIONE DELLE LESIONI CUTANEE (WOUND CARE & CURE)
Autori: Cavallini M.
Pagine: 832
Anno di pubblicazione: 2020
Formato: brossurata
Isbn cartaceo: 978-88-9389-029-8
Isbn online: 978-88-9389-029-8
Target: Specialistico
Stato prodotto: disponibile
Tipo di prodotto: libro
Argomenti:
Cardiologia, Chirurgia d'urgenza ed emergenza, Chirurgia generale, Dermatologia, Diabetologia, Infettivologia, Malattie infettive
Guarda la preview

Descrizione

Il presente libro è stato concepito e realizzato per il Master Universitario Gestione delle lesioni cutanee (Wound Care) quale supporto ai contenuti delle lezioni frontali e delle attività pratiche di tirocinio. La finalità di un Corso universitario è declinata dai dettami dei descrittori di Dublino per i quali la formazione ed i risultati di apprendimento, oltre alla conoscenza e alla capacità di comprendere ed applicare (applying knowledge and understanding), individua la necessità di un’autonomia di giudizio (making judgements) e di curare le abilità comunicative e di relazione tra operatori e con i pazienti (communication skills).
Il primo Capitolo è dedicato al contesto universitario, ad identificare la figura del Wound Specialist, a descrivere l’ambiente e le funzioni delle strutture e degli operatori attivi sul territorio con i quali lo specialist dovrà confrontarsi e collaborare e le principali Associazioni e Società Scientifiche operanti sul territorio. Concludono il primo Capitolo aspetti relativi ai costi, ai presidi presenti e acquisibili sul Nomenclatore, alla telemedicina, alla valutazione critica dei protocolli e delle linee guida delle Società Scientifiche e dei Gruppi di studio oltre ad alcune considerazioni sugli aspetti medico-legali e a nozioni di statistica applicata alla medicina utili per comprendere e valutare il rigore scientifico delle pubblicazioni in letteratura.
Nel secondo Capitolo vengono affrontati in sintesi aspetti anatomo-funzionali e fisiopatologici della cute, dei tessuti e della riparazione tessutale.
Il terzo Capitolo introduce alla valutazione olistica del paziente, con una particolare attenzione allo stato nutrizionale, alle richieste metaboliche, alla gestione del sintomo dolore e agli aspetti psicologici e relazionali. Vengono poi identificate alcune tipologie di pazienti più critiche che richiedono particolari e peculiari attenzioni quali l’anziano, il pediatrico, il paziente con malattie autoimmuni, il paziente obeso, il paziente mieloleso ed il paziente neoplastico.
Con il quarto Capitolo si entra direttamente nella valutazione e gestione dell’ulcera, della medicazione e dei criteri di scelta dei materiali, delle terapie mediche e chirurgiche più consolidate, ma sempre considerando le opzioni terapeutiche ancora non chiaramente validate scientificamente ma associate a risultati potenzialmente vantaggiosi per i pazienti sulla base di studi clinici osservazionali o retrospettivi. Alla fine dei principali Capitoli vengono, comunque, riportate le principali linee guida elaborate dalle Società Scientifiche e dai Gruppi internazionali di studio di settore. Quello che viene descritto in questo quarto Capitolo centrale può essere poi applicato, in linea di massima, nel trattamento delle ulcere cutanee nei diversi contesti clinici che vengono separatamente trattati nei Capitoli successivi.
Nei Capitoli dal sesto al nono, infatti, vengono affrontate diverse condizioni e presentazioni cliniche: dalle lesioni su base vascolare alle lesioni da pressione, a quelle da neuropatia, a quelle acute e traumatiche e l’applicazione dei criteri affrontati nel Capitolo quattro a queste tipologie e peculiarità di pazienti.
Il decimo Capitolo prende in considerazione alcuni particolari tipi di lesione o soluzione di continuo della cute: le stomie, le fistole e la gestione di cateteri e cannule applicati per via percutanea.
L’ultimo Capitolo tratta della mobilizzazione attiva e passiva del Paziente attraverso ausili e programmi di esercizi fisici. In conclusione, con questo libro, l’augurio e l’aspettativa è quella di fornire e condividere una base di partenza ed una conoscenza a tutto tondo del Wound Care per la formazione di professionisti consapevoli delle competenze maturate ed in grado di confrontarsi e collaborare con altri specialisti, anche grazie ad una personale corretta esperienza clinica ed ai necessari ulteriori e successivi approfondimenti ed aggiornamenti scientifici.

Indice

INDICE IN SINTESI
Capitolo I: LE BASI
LA FORMAZIONE. IL WOUND SPECIALIST
OPERATORI, STRUTTURE, ASSOCIAZIONI E SOCIETA’ SCIENTIFICHE
LA SPESA SANITARIA, IL NOMENCLATORE, LA TELEMEDICINA
APPROCCIO ALLA GESTIONE DELLE LESIONI
STATISTICA MEDICA, LA MEDICINA BASATA SULLE EVIDENZE

Capitolo II: CUTE ED IL TESSUTO SOTTOCUTANEO
ANATOMIA E FUNZIONE DELLA CUTE
MICROCIRCOLO, RIPARAZIONE TESSUTALE
PATOLOGIA DELLA CUTE E DEL TESSUTO SOTTOCUTANEO

Capitolo III: IL PAZIENTE LESIONATO
CRITICITA’: IL DOLORE, LO STATO NUTRIZIONALE, ASPETTI PSICOLOGICI E RELAZIONALI
PAZIENTI PARTICOLARE: ANZIANO, PEDIATRICO, OBESO, MIELOLESO, NEOPLASTICO

Capitolo IV: LA LESIONE CUTANEA
VALUTAZIONE E GESTIONE DELL’ULCERA
TIME = RIMOZIONE DEI TESSUTI SOFFERENTI
TIME= L’INFEZIONE, DRENAGGI CHIRURGICI, TERAPIA ANTIBIOTICA, VAC
TIME= GESTIONE DELL’UMIDITA’
TME= PROTEZIONE DELLA CUTE PERILESIONALE
TIME= NON PERDERE TEMPO
MEDICAZIONI INTERATTIVE E BIOATTIVE

Capitolo V: LESIONI DA PRESSIONE
PREVENZIONE, STADIAZIONE, SCHEDE DI MONITORAGGIO
PRESIDI, GESTIONE DELLE LESIONI, LINEE GUIDA

Capitolo VI: GLI ARTI INFERIORI

L’ESAME CLINICO: ANAMNESI ED ESAME OBIETTIVO

Capitolo VII: LESIONI DEGLI ARTI INFERIORI DI NATURA VASCOLARE
PATOLOGIA VASCOLARE ARTERIOSA
DIAGNOSI VASCOLARE STRUMENTALE NON INVASIVA
LA LESIONE VASCOLARE ARTERIOSA
TERAPIA MEDICA, TERAPIA INVASIVA
L’ULCERA VASCOLARE VENOSA
TERAPIA ELASTOCOMPRESSIVA, MEDICA, CHIRURGICA
IL LINFEDEMA
ULCERE MISTE, ULCERE INFIAMMATORIE
LINEE GUIDA

Capitolo VIII: LESIONI DEGLI ARTI INFERIORI DI NATURA NEUROLOGICA
INTRODUZIONE
IL DIABETE: LA DIAGNOSI E MONITORAGGIO, LE COMPLICANZE
PREVENZIONE, INFORMAZIONE E FORMAZIONE
L’ESAME PODOLOGICO CLINICO E STRUMENTALE
ORTESI, PLANTARI, CALZATURE E TUTORI
DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DEL PIEDE COMPLICATO E DELL’OSTEOMIELITE
IL PIEDE NEUROPATICO, NEUROISCHEMICO, ISCHEMICO
APPROCCIO AL TRATTAMENTO DELLA LESIONE DEL PIEDE
LINEE GUIDA

Capitolo IX: LESIONI ACUTE E TRAUMATICHE

CLASSIFICAZIONI
IL PAZIENTE POSTCHIRURGICO
ALTRE LESIONI DA TRAUMA, LE USTIONI

Capitolo X: STOMIE, FISTOLE E CATETERI PERCUTANEI
GESTIONE DELLE STOMIE: GASTROINTESTINALI, TRACHEALI, URINARIE
DIAGNOSI E GESTIONE DELLE FISTOLE CUTANEE

APPENDICE:
MOBILIZZAZIONE DEL PAZIENTE, ESERCIZI FISICI